Evento > Festa dell'Acqua

FESTA DELL'ACQUA Un tuffo nel passato per rivivere i fasti del termalismo di fine '800.  Questa festa offre l'occasione di un tuffo nel passato per rivivere i fasti del termalismo di fine '800. 
Nelle piazze, nei locali e per le strade si rivivra' quell'atmosfera grazie ad un allestimento e ad un'animazione ad hoc.

Celebra gli oltre tre secoli di storia e tradizione del benessere la Festa dell’Acqua che si svolge a Recoaro Terme (VI) il 15 agosto 2015.

Per l’occasione il centro della cittadina veneta si trasformerà in una suggestiva scenografia di acque e luci, con la riproduzione delle fonti più famose allestita in un’ambientazione che rievoca le atmosfere della Belle Epoque, periodo in cui le terme locali venivano frequentate dalla nobiltà europea, ma i fasti di fine Ottocento verranno riproposti anche da un gran ballo in abiti d’epoca, operette eseguite in piazza e gite agli stabilimenti a bordo di carrozze trainate da cavalli.
Non mancherà ovviamente l’opportunità di assaggiare i diversi tipi di acqua curativa offerta da personaggi in costume.


ULTERIORI INFORMAZIONI OPERATIVE
La manifestazione si svolge il 15 agosto di ogni anno - dalle ore 10.00 alle ore 19.00 - In Piazza Dolomiti e nelle vie del centro cittadino.
  • Piazza Dolomiti
    Recoaro Terme (VI)

COMUNE DI RECOARO TERME


1. Il Comune di Recoaro Terme riconosce, tutela e valorizza la propria identità locale nelle sue 
caratteristiche culturali, storiche, sociali, ambientali, naturalistiche, termali e turistiche. 
2. Il Comune è l’ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne 
promuove lo sviluppo globale favorendone la crescita civile, sociale, economica e culturale. 
Contatti Aziendali
Via Roma 10
36076 - Recoaro Terme (VI)
+390445793300 www.comune.recoaroterme.vi.it
Ulteriori informazioni
Recoaro Terme (m 450 slm; abitanti 6936) è posta in una conca verdeggiante di prati e di boschi, da cui il nome di “Conca di Smeraldo”, ed è circondata da un anfiteatro incantevole di montagne che si elevano oltre i 2200 metri, denominate le “Piccole Dolomiti”. Dal Monte Rotolon sorge il torrente Agno, dal quale trae il nome l’intera Valle.

I primi nuclei abitativi stabili risalgono all’età medioevale, quando le popolazioni di origine cimbra discese da nord colonizzarono il territorio fondandovi i primi agglomerati che ancor oggi rivelano, nel nome dei luoghi e in alcune tramandate consuetudini, le antiche origini germaniche. Le acque di Recoaro Terme, che sin dal 1404 faceva parte della Serenissima Repubblica di Venezia, hanno una fama di antica data: il Conte Lelio Piovene ne divulgò le virtù già nel 1689 e da lui prese il nome la Sorgente Lelia; il Graziani le illustrò nel 1701 e nel 1752 la Serenissima le dichiarò “bene pubblico”. L’Ing. Anton Mario Lorgna ebbe l’incarico di provvedere ai lavori di captazione delle acque e alla costruzione, nel 1779, del primo stabilimento termale: da quel momento Recoaro Terme fu presentata come unico centro termale per cure idropiniche della Serenissima.

Nel secolo successivo tutto questo diede vita a numerosi impianti termali e a una notevole espansione alberghiera che interessò soprattutto la zona centrale del paese. Tra i primi e più importanti alberghi vi furono il Giorgetti alle Fonti e il Trettenero in centro; ad essi si affiancarono ben presto il Fortuna, il Varese, l’Europa e molti altri. Tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento si affermò il gusto ‘liberty’ in molte delle espressioni artistiche che si possono ancora leggere su alcune facciate degli alberghi del centro, nei fregi e nelle volute di molte decorazioni floreali e nei dettagli di molti elementi minori.

Fu negli anni attorno alla fine del XIX secolo che le stagioni termali recoaresi, con una disponibilità di circa tremila posti letto, raggiunsero il massimo numero di ospiti: quasi novemila . Recoaro Terme poté vantarne di illustri: da Nietzsche a Verdi, da Mascagni alla Regina Margherita. Furono poi gli anni della Grande Guerra, con l’insediamento di consistenti truppe italiane nell’area, a portare a Recoaro Terme una stasi nel turismo, con la conseguente crisi dell’economia termale, gradatamente in ripresa dopo il 1920 ma in concorrenza con altre stazioni termali italiane ed europee, sorte sull’onda della moda del salutismo e della cura delle acque. Nel 1873 Antonio Caregaro Negrin aveva unificato le varie sorgenti al centro dell’abitato in un unico ‘parco termale’ dalla imponente architettura eclettica, solo parzialmente recuperato dopo i bombardamenti dell’ultima guerra.


Durante l’ultimo conflitto, Recoaro Terme fu infatti sede del Comando generale tedesco sud-ovest dal 1944 alla Liberazione e subì il 20 aprile del 1945 un bombardamento che fu il preludio alla successiva resa delle armate tedesche in Italia. Il ricordo del precedente complesso termale sopravvive nelle attuali Fonti Centrali, che raggruppano l’insieme delle sorgenti Amara, Lelia, Lorgna, Lora e Nuova, attualmente il complesso idroterapico principale di Recoaro Terme.

Ad esse si aggiungono, a poca distanza, le Fonti Staccate: Aureliana, Capitello, Pace, Franco e Giuliana. Oggi la principale attrattiva turistica è data dalla possibilità di praticare tutti gli sport alpini, comprese escursioni di varia difficoltà nel massiccio delle Piccole Dolomiti, che si affaccia alla testata della valle, sul Pasubio e sul Gruppo del Carega. Punto di partenza privilegiato è l’ampio pianoro in quota di Recoaro Mille (m 1007 slm) collegato con una cabinovia a Recoaro Terme e, con un altro impianto, al Monte Falcone con i suoi campi di sci.
Calendario Expo Veneto

Date svolgimento evento

Clicca sul giorno d'interesse per aggiungerlo tra i tuoi preferiti.

1 Data NON disponibile 1 Data disponibile 1 Data d'interesse